//
libri...
Alberto Zanchetta, Alberto Zanchetta Frenologia della Vanitas, Frenologia della Vanitas, Il teschio nelle arti visive, Johan & Levi editore, libri d'arte, Storia dell'Arte, vanitas

Frenologia della Vanitas, Il teschio nelle arti visive: di Alberto Zanchetta, Johan & Levi editore

Il saggio Frenologia della Vanitas, Il teschio nelle arti visive: di Alberto Zanchetta, Johan & Levi editore (ISBN: 978-88-6010-038-2, per acquisto on line: click: SITO EDITORE) – presentato ieri alla Triennale di Milano – ripercorre la storia del teschio nell’arte dell’Occidente e dell’Oriente, dalla preistoria attraverso il Medioevo e dal Seicento fino ai primi anni del Terzo Millennio con specifici approfondimenti sulla grande proliferazione del macabro nella cultura europea, su come lo spazio della vita e il tempo della morte convivano in città come Napoli e Palermo e sulla diversa concezione della morte in Messico e in Cina. Da un’idea originaria di trattamento del tema del teschio nell’arte contemporanea, Alberto Zanchetta amplia magistralmente l’orizzonte includendo nella sua indagine un arco di tempo molto più esteso, fino a costituire una ossimorica “cronistoria non cronologica” in cui ciò che conta non è lo svolgimento temporale dei secoli ma in qualche modo il sentimento, il tema, l’analogia, che unisce tempi anche fra loro distanti. Un’analisi trasversale, in cui letteratura, musica, teatro, si intersecano all’arte figurativa per tracciare il quadro della resa artistica del teschio nel tempo.

Molteplici le espressioni prese in considerazione: graffiti, pittura, scultura, fotografia, video, fumetti, radiografie, e gli enigmatici teschi di cristallo di rocca precolombiani. Oltre cento artisti presi a esempio per illustrare le trasformazioni del teschio nella sua rappresentazione: da Marina Abramovic a Basquiat, da Cézanne a Dalí, De Dominicis, Gligorov, Hirst, Frida Kahlo, Klimt, Warhol, solo per citarne alcuni. Uno stile sempre ironico che alleggerisce il tema e ripara il lettore dalla sua gravità. Del resto Zanchetta cita Stendhal che aveva nutrito l’idea che l’arte fosse una promessa di felicità, e si mantiene nei toni, non nell’argomento, mosso da questa spinta ideale.

Alberto Zanchetta è critico d’arte e curatore indipendente. Dal 2007 insegna Storia dell’Arte alla LABA di Brescia. Nel 2006 ha pubblicato il pamphlet Antologia del Misogino e nel 2007 il saggio Humpty Dumpty Encomion. Scrive per le riviste Flash Art e Arte e Critica, suoi contributi sono apparsi anche sulle riviste Inside, Around Photography, Espoarte, ArtKey, EQUIPèCO, Arte contemporanea. Ha curato e presentato oltre duecento mostre presso istituzioni pubbliche e gallerie private.

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Maria Vittoria Capitanucci, Milano le Nuove Architetture, SKIRA
Maria Vittoria Capitanucci: Milano
Le nuove architetture
La nuova, straordinaria stagione della architettura milanese e i suoi grandi protagonisti alle soglie dell’Expo 2015. Capitanucci è docente di Storia dell’architettura
contemporanea presso il Politecnico di Milano e presso l’ISAD.. Edizioni SKIRA >>>

RSS Milano Arte Expo Gallerie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: